Flora

This post is also available in: English Español


NEW ETNATAO WEBSITE

Flora dell’Etna

L’Etna è  una delle aree di maggiore interesse naturalistico del bacino del Mediterraneo. Solitamente si pensa alle aree vulcaniche come luoghi desertici dove la vegetazione è molto scarsa o assente. Anche da questo punto di vista questo vulcano possiede delle unicità per la ricchezza del suo lato botanico.

Innanzitutto l’Etna  presenta vaste aree coperte da vegetazione, nonostante gran parte del territorio sia spesso attraversata da colate laviche che distruggono ogni cosa che si trova sul loro cammino. I vulcani delle medie latitudini di solito non hanno grandi aree verdi. Al contrario in alcuni versanti dell’Etna la vegetazione è così rigogliosa da ricordare i paesaggi di alcuni vulcani tropicali. Il contrasto tra il verde dei boschi e le scure colate laviche recenti crea un paesaggio unico, suggestivo e surreale. Inoltre questo vulcano offre una grande diversità botanica che si manifesta verticalmente con le variazioni altimetriche, ma anche orizzontalmente passando da un versante all’altro del vulcano.

 

DSC_6411 copy

DSC_8236 copy

Estese stagioni di fioriture

Se pensate che il paesaggio di un vulcano come una monotona successione di deserti di lava, sarete sorpresi dai colori del paesaggio dell’Etna! In realtà vi è un periodo molto esteso di fioriture che si presenta in diverse stagioni a diverse altitudini, quindi gran parte dell’anno questo vulcano si può vedere ornato dai bellissimi colori delle fioriture.

etnatao-etna-excursions

DSC_5097 copy

Numerosi endemismi

L’Etna è anche ricco di specie endemiche. Ricordiamo che delle specie vegetali vengono definite endemiche quando sono proprie ed esclusive di un territorio circoscritto e non sono presenti altrove. Il dinamismo di questo vulcano ha formato degli habitat così estremi ed unici che molte piante ed alberi hanno dovuto cambiare le loro caratteristiche per adattarsi e sopravvivere, trasformandosi in specie esistenti solamente all’interno di questo parco. Durante una escursione naturalistica saremo lieti di mostrarvi alcuni degli endemismi del parco e vi forniremo informazioni dettagliate su di essi.

Ecco alcuni esempi:
L’ Anthemis aetnensis ed il Senecio aetnensis, due interessanti piante endemiche, pioniere d’altitudine, le uniche in grado di sopravvivere incredibilmente fino a 3050 m. al di sopra del livello del mare, all’interno della cosiddetta “zona di contesa”, dove le condizioni sono così estreme da non permettere nessun’altra forma di vita vegetale. Vale la pena di essere ricordato anche il Rumex aetnensis , il Cerastium aetneum, il Berberis aetnensis, lo Sclerantus aetnensi, la Violaa etnensis , etc.

 

DSC_3404 copy

DSC_3369 copy

Distribuzione altimetrica della vegetazione

La varietà della flora dell’Etna rispecchia la presenza di diverse zone climatiche che vanno dal livello del mare fino alla vetta.

 

Screen Shot 2016-02-22 at 11.30.22 AM

Zona Basale-Mediterranea (da 0 a 1400 m.). Questa è l’area con la più grande diversità botanica che si estende dalla macchia mediterranea ed evolve in boschi di Lecci (Quercus hilex), Castagni (Castanea sativa), Querce caducifoglie (per lo più Quercus pubescens) e Genista aetnensis. Di solito viene diviso in tre diverse zone: termomediterranea, mesomediterranea e supramediterranea.

Segue la zona Mediterranea di montagna (dai 1400 ai 2000/2200 m.) che arriva fino al limite altitudinale del bosco. In questa area si trova un bosco molto particolare, un “relitto glaciale” che è sopravvissuto alla glaciazione del Würm (che si è conclusa circa 10k anni fa) e che poi si è evoluto in maniera indipendente. Qui si trova il Pinus nigra laricio, albero originariamente tipico delle grandi foreste pre-glaciali d’Europa, che durante l’ultima glaciazione ha migrato verso sud. Oggi è presente solo qui in Corsica e in Calabria. Vi è il faggio (Fagus sylvatica), un altro relitto glaciale, che ha una grande rilevanza botanica perché il bosco di faggio europeo qui raggiunge la latitudine più bassa ed al tempo stesso la più alta quota! C’è anche la betulla endemica dell’Etna (Betula aetnensis) il terzo relitto glaciale che ha trovato rifugio intorno al vulcano durante l’ultima era glaciale e poi si è evoluto in un modo così diverso che è trova solo intorno a questo vulcano.

Salendo ancora di quota troviamo la zona Altomediterranea che si estende dal limite della vegetazione arborea (circa 2000 m.) fino al limite altitudinale di sopravvivenza delle piante pioniere (3050 m.), l’inizio del  deserto vulcanico d alta quota. Dalla quota dove gli alberi non trovano più le condizioni per sopravvivere, inizia una straordinaria fascia di vegetazione con delle piante endemiche molto specializzate simile ad un paesaggio steppico, l’Astragaletum Siculi. Una vegetazione simile è così peculiare che non si trova in nessun’altra parte del mondo! Il nome viene dalla pianta endemica Astragalus siculus che forma tipici cespugli spinosi bassi. 

Sopra i 2500 m. fino al 3050 si trova la cosiddetta Area di contesa, dove la vegetazione diventa sempre più rada fino a trovare solo qualche isolata pianta endemica pioniera, “progettata” per sopravvivere persino all’habitat più estremo dell’Etna.

Al di sopra questo limite si trova il Deserto lavico d’alta quota , dove la straordinaria energia di questo vulcano si esprime in un modo così estremo che ogni forma di vita vegetale è impossibile.

Tat Tvam Asi

तत् त्वम् असि

– All rights reserved –

 

This post is also available in: English Español

  • The beauty of Etna

  • This project is made by
    Carmelo Giuffrida,
    a Geologist and
    Naturalistic Guide.

    Contacts :
    Cell +39 338 219 7869
    [email protected]

  • C
  • Sicily old map
  • Outoor photography
  • Senecio Etnensis
Visit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On LinkedinVisit Us On Instagram